La storia de “Il bracciale di sterline” diventa gioco da tavolo e videdogame

dayofwonderLa storia narrata ne “Il bracciale di sterline” e l’evento bellico ad esso collegato diventano gioco da tavolo e un video game.  Accade così che l’assalto al comando della Linea Gotica a Botteghe d’Albinea il 27 marzo 1945 è diventato un gioco da tavolo, estensione del celebre ‘Days of Wonder” con una vera e propria scena di combattimento dove possono cimentarsi i giocatori appassionati di ‘war games’. Nella spiegazione del gioco vengono citati tutti i protagonisti dell’attacco del 27 marzo 1945, incluso il piper David Kirkpatrick . Il libro “Il bracciale di sterline” è citato nella bibliografia.

operazionetombolaDai giochi da tavolo ai video game il passo è breve con il gioco online “SAS Operation Tombola” creato da Roblox

Buona lettura  e buon gioco!

In libreria “Il suonatore matto”, la vera storia di David Kirkpatrick

suonatore_matto-definitivoDAL 2 FEBBRAIO 2017 – IN LIBRERIA E ONLINE –Toscana, primi di marzo 1945. Lo scozzese David Kirkpatrick, piper del 2º Highland Light Infantry, si annoia a pelar patate dietro le linee. Carattere bizzarro e burrascoso, non si contano le volte in cui è stato punito per insulti ai superiori, insubordinazione e sbornie.

Un giorno, da oltre la Linea Gotica, arriva un messaggio che cambia per sempre la sua vita e il destino di tantissime persone.

Leggi il resto di questa voce

“Arivedorci” David ‘mad piper’ Kirkpatrick, il cielo ha un suonatore in più

P1000792Il cielo ha un suonatore di cornamusa in più. David Kirkpatrick, il ‘mad piper’ scozzese di Operazione Tombola, l’attacco alleato-partigiano sferrato il 27 marzo 1945 al comando tedesco della Linea Gotica a Botteghe d’Albinea, è spirato serenamente all’età di 91 anni a Girvan, sua città natale. Il suo vecchio cuore si è fermato questa mattina alle 9.25 ora scozzese.

 

 

Le sue gesta sono legate ad uno dei più importanti episodi della Resistenza e negli ultimi 5 anni si erano di nuovo incrociate con le vite di molti reggiani, riannodando fili dispersi nel tempo. Kirkpatrick, ex boy scout in guerra al fronte da quasi tre anni, il 21 marzo 1945 si arruolò volontario nel 2nd SAS, i corpi scelti di Sua Maestà. La sua missione?

Paracadutarsi oltre le linee nemiche per suonare la carica durante una operazione segreta. Da qui il soprannome ‘mad piper’ ,cornamusiere matto . Indossando il kilt (!), si lanciò ai piedi del Cusna e donò il suo paracadute di seta bianca alla famiglia che lo ospitò, affinchè potessero trasformarlo in vestito nuziale. Poi scese a valle per suonare la carica durante l’incursione al comando tedesco. Furono gli unici suoni umani in un concerto di morte. Quelle note però contribuirono a classificare l’attacco come ‘militare alleato’, evitando la rappresaglia nazista contro i civili di Albinea.
David, come per magia e senza saperlo, aveva salvato vite umane. Lo aveva fatto senza sparare e uccidere, solo suonando la sua cornamusa.

Ma per 65 lunghi anni, traumatizzato dagli orrori della guerra, seppellì ogni ricordo. Non voleva parlare di quella notte. Nel giugno del 2010, riuscii a rintracciarlo.

Restio a parlare, venne a conoscenza di come qui, in questo lembo d’Emilia, fosse ricordato come un “uomo di pace e vita”. I fantasmi svanirono. Aprì il suo cuore e inizio’ a raccontarsi. Sempre con una vena di sano umorismo che non mancava mai. Publicammo il primo libro, con Valentina “Il bracciale di sterline”.

Come in una favola, ritrovammo la sposa di allora, Albertina Magliani Giampellegrini, di Collagna che oggi ha 91 anni e vive a Parma. ll Comune di Albinea e Villa Minozzo gli conferirono la cittadinanza onoraria e con Valentina Ruozi portammo un pezzo del suo paracadute in Scozia sotto forma di…mutande nuziali. Dono perfetto per lui, sempre pronto a scherzare.

David, ha suonato tutta la vita, lo ha fatto fino a qualche mese fa. La sua storia è diventata musica grazie ai Modena City Ramblers che gli dedicarono una canzone e ne trassero ispirazione per l’album “Battaglione Alleato” dedicato a Operazione Tombola.

Ne “Il paradiso dei folli” sequel e prequel del primo libro raccontai altre sue avventure: il ritrovamento del paracadute nuziale, le emozioni, i sorrisi, i pianti di dolore e gioia, di guerra e pace che hanno attraversato tutta la sua vita e quella di altri combattenti per la libertà. Uomini e donne che ci hanno già lasciato o sono ancora tra noi come ultimi testimoni di quei giorni lontani e di orrori che non devono più ritornare . “Il paradiso dei folli” pubblicato nel 2014 si chiudeva con una favola di Natale con David che nella notte più amata dai bimbi di mezzo Mondo volava in cielo e con la sua cornamusa diventava un “Papà Natale” speciale. Così speciale da trasformare ogni regalo che ricordasse la guerra (soldatini, carri armati, pistole etc) in doni di pace. David due anni dopo è volato veramente via. Ha aspettato il Natale, quando il suo cuore ha iniziato a fare le bizze e ci ha detto “arivedorci ciao, ciao” il giorno dell’Epifania…

Chi fa del bene non muore mai , perché continua a vivere attraverso i gesti altruisti compiuti durante la sua esistenza.

Per questo, la note della sua cornamusa per chi le vorrà e saprà ascoltare continueranno ad echeggiare per sempre . Non come suono di guerra, ma di vita, pace e fratellanza umana.

“Arivedorci ciao, ciao” David amico mio e dei tanti che ti hanno voluto bene conoscendo la tua storia.

Ti saluto come facevi tu nel tuo ‘italiano di guerra’ che mi ricordava Stanlio e Olio, ogni volta che chiacchieravamo al telefono. Proprio come meno di due settimane fa, l’ultima volta che ci siamo scambiati gli auguri di Natale e Buon Anno.

David “mad piper” Kirkpatrick,
2nd SAS Operation Tombola
(11th May 1924 – 6th January 2016)

Il “tuo amigo” italiano Matteo

Leggi il resto di questa voce

Joe Powell: “La mia vita dal D-day a stuntman di Hollywood e Cinecittà”

IL PARADISO DEI FOLLI di Matteo Incerti

OLYMPUS DIGITAL CAMERA D-day-Sword Beach: 6 giugno 1944. Joe Powell a sinistra soccorre un ferito (foto IWM)

Hastings St Leonards (Inghilterra) –  Dal D-Day in Normandia ai set di Hollywood.  E’ la storia della folle vita degli inglesi Joe Powell e Jock Easton , i due re degli stunt-men dell’industria dei sogni del dopoguerra. Una lunga avventura che sembra una favola, che è stata ricostruita e narrata nel romanzo storico “Il paradiso dei folli. Dall’inferno della seconda guerra mondiale a una vita d’arte” (Imprimatur-Aliberti 2014).

View original post 1.235 altre parole

Joe Powell: “La mia vita dal D-day a stuntman di Hollywood e Cinecittà”

Joe Powell: “La mia vita dal D-day a stuntman di Hollywood e Cinecittà”.

70° Operazione Tombola : 27-28 marzo Albinea: una mostra multimediale, commemorazione e marcia-fiaccolata al suono delle cornamuse

  VENERDI’ 27 marzo  2015 ALBINEA ore 18 inferno_rossi – Biblioteca e Sala Civica Albinea inaugurazione mostra fotografica multimediale “Quella Notte a Botteghe”, l’attacco anglo-partigiano al cuore della Linea Gotica” curata da Massimo Storchi, Michele Bellelli, Matteo Incerti. Con la collaborazione di Comune di Albinea, Istoreco, Anpi Albinea.
Conferenza sulla mostra a cura del professor Philip Cooke, Strathclyde University-Glasgow, Massimo Storchi (Istoreco), Matteo Incerti.

Sabato 28 marzo 2015

BOTTEGHE Ore 9 – Piazza Caduti Alleati Albinea – Inizio commemorazione
Marcia verso Villa Rossi e Villa Calvi al suono delle cornamuse suonate dai figli di David Kirkpatrick, “mad piper” di Operazione Tombola.
Discorso del sindaco di Albinea Nico Giberti – Professor Philip Cooke, Strathclyde University Glasgow.
’70 anni fa’ messaggio dei reduci e figli dei reduci di Operazione Tombola.
ALBINEA– Ore 13 Ristorante Parco Fola – Pranzo “Operazione Tombola” con i reduci, figli, parenti e cittadini. Per prenotazioni ANPI ALBINEA (Simone Varini: 339 328 8993)

“FUOCO E CORNAMUSA”: LA MARCIA DI OPERAZIONE TOMBOLA ORE 21- Marcia dalla Vendina a Villa Rossi e Villa Calvi nel cuore della notte. Alla luce delle fiaccole e al suono della cornamusa per ricordare la marcia d’avvicinamento nel cuore della notte di paracadutisti inglesi e partigiani. La marcia avrà la durata di circa 1 ora, dotarsi di scarpe da trekking in quanto l’ultimo tratto sarà nei campi. Per prenotazioni ANPI ALBINEA (Simone Varini Anpi: 339-32889993).

Le prossime presentazioni: 21 febbraio 2015 Castiglione delle Stiviere (Mn)

 Le prossime presentazioni de “Il bracciale di sterline” e cd “Battaglione Alleato” .

Dal 21 aprile 2011 ad oggi febbraio 2015, sono state organizzate  64 presentazioni pubbliche de “Il bracciale di sterline” dal Veneto alla Sicilia fino alla Scozia, passando per l’Emilia Romagna, Liguria, Toscana. In preparazione prossime presentazioni a Novara e Siena.   Leggi il resto di questa voce

Tornano gli eroi de ‘Il bracciale di sterline’ nel sequel: Il paradiso dei folli!

paradisofolliVenerdì 28 marzo alle 21.30 al Fuori Orario di Gattatico (Re) con i Modena City Ramblers ed il giorno seguente alle 16 ad Albinea (Re) alla sala del consiglio comunale, debutta  Il Paradiso dei Folli ( Imprimatur editore 2014 – distribuzione Rcs). Una storia vera e incredibile,  prequel e sequel de Il Bracciale di Sterline (Aliberti 2011).

Leggi il resto di questa voce

In scena ‘Nani e giganti’, lo spettacolo teatrale ispirato a ‘Il bracciale di sterline”

naniArriva “Nani e Giganti” lo spettacolo teatrale liberamente tratto da “Il bracciale di sterline”. La prima è fissata per sabato 29 marzo alle 21 alla Sala Maramotti di Albinea (Re), la seconda data,  sabato 12 aprile alle 21 al teatro “Gino Cervi” di Brescello (Re).

LA SCHEDA DELLO SPETTACOLO TEATRALE

Leggi il resto di questa voce

Noi abbiamo letto “Il bracciale di sterline”…i commenti dei lettori!

Questa pagina in costante aggiornamento è dedicata ai commenti e le recensioni dei lettori de “Il Bracciale di Sterline”. Potete lasciare i vostri commenti qui,  sulla pagina facebook del gruppo “Il bracciale di sterline” o inviarla via mail a matteincerti@gmail.com  Verrà pubblicata in questa sezione.
  • Questa storia struggente di guerra e musica lascia un nodo in gola. Perchè a cose fatte è facile dire “io c’ero, io ho fatto, io ho detto”. Consigliata a tutti per il commovente silenzio durante 65 dei protagonisti” Elio Ghelli, Genova 23 febbraio 2017
  • Bologna 26/12/2013 -Il libro “Il bracciale di sterline” mi è stato indicato da un abitante di Secchio: un libro storico assai curioso ed avvincente dove la realtà con i suoi colpi di scena va al di là della fantasia del più bravo dei romanzieri.  Sono grato a Matteo Incerti e Valentina Ruozi per aver descritto in modo asciutto e senza retorica un pezzo di vera storia partigiana con i suoi ideali di giustizia e libertà.  Un pezzo di cronaca di guerra che mi ha fatto vivere quei tempi terribili già uditi dai racconti dei miei genitori.  Leggi il resto di questa voce
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: